Binda, non ho ucciso io Lidia Macchi

"Sono innocente, estraneo ai fatti e non so nulla di ciò che mi viene contestato". È quanto ha ripetuto oggi in Tribunale a Varese durante l'udienza per il suo controinterrogatorio Stefano Binda, il 51 enne accusato di aver ucciso nel 1987 a Varese la studentessa Lidia Macchi. Giacca blu, capelli curati e pizzetto, durante l'udienza Binda ha risposto alle domande della parte civile, che ha cercato di far luce sul suo alibi. L' uomo ha sempre sostenuto che quando la studentessa venne accoltellata a morte, a Varese, lui era a Pragelato, in vacanza con il suo gruppo di Comunione e liberazione. Alle risposte dell'avvocato Daniele Pizzi, che rappresenta la famiglia Macchi, Binda ha risposto non sempre puntualmente, ricordando di aver pattinato per la prima volta sul ghiaccio durante quella settimana, ma di non avere memoria di chi fosse con lui.

ANSA

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Omegna, il Comune mette in vendita le ex scuole di Crusinallo
    La Stampa
  2. Mercu Scurot con migliaia di cilindrati: ecco le foto
    NotiziaOggi
  3. Ivan Basso e il professor Daffi a Domo per parlare di comportamenti problematici nello sport
    Ossola News
  4. Villa vuole mettere in sicurezza le scuole, via libera dal Consiglio comunale
    Ossola News
  5. Regionali, Samuele Astuti svela i suoi punti programmatici della campagna elettorale
    LuinoNotizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Quarna Sotto

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...

    */